La vitamina B potrebbe prevenire il cancro della pelle, lo studio suggerisce

Lo studio, condotto da ricercatori della Dermatology University di Sydney, ha coinvolto poco meno di 400 partecipanti. Quelli coinvolti avevano contratto almeno due cancri della pelle nei cinque anni precedenti lo studio.

I partecipanti sono stati divisi in due gruppi, con un gruppo che ha assunto 500 milligrammi di vitamina B, mentre l'altro gruppo ha assunto una pillola fittizia. Le pillole furono prese due volte al giorno per un anno. Nessuno coinvolto nello studio sapeva se i partecipanti hanno ricevuto vitamina B o la pillola finta fino a dopo lo studio era terminato.

Alla fine, lo studio ha dimostrato che coloro che assumevano vitamina B non solo riducevano il tasso di cancro della pelle, ma sembravano ridurre la percentuale di pre-cancro, comprese le chiazze squamose di pelle note come keatosi attiniche, dell'11 percento su un tre- mese. Quando il periodo è stato raggiunto fino a nove mesi, il tasso è stato ridotto del 20 percento.

È importante sottolineare che i ricercatori hanno scoperto che quando le persone smettono di assumere vitamina B hanno avuto risultati simili a quelli che hanno preso la pillola fittizia. In altre parole, sembra che si debba prendere costantemente la vitamina B per vedere i benefici. "Il beneficio svanisce abbastanza rapidamente", osserva la dottoressa Diona Damian, autrice principale dello studio. "Devi continuare a prendere le compresse affinché continuino ad essere efficaci."

Sebbene i risultati dello studio siano impressionanti, Damian non vuole che le persone vedano questo come un modo infallibile per evitare il cancro della pelle. "Dobbiamo sempre ricordare le basi dei comportamenti sensibili al sole", tra cui evitare l'esposizione eccessiva al sole e l'uso della protezione solare. "